Calcio News Time | Homepage
UDINESE 0-0 NAPOLI, Tabellino e pagelle della gara

UDINESE 0-0 NAPOLI, Tabellino e pagelle della gara

🕔25.feb 2013

Partenopei che non riescono a sfondare il muro eretto dalla formazione friulana e adesso si trovano a -6 punti dal big match di venerdì al San Paolo contro la Juventus. Episodi dubbi su Cavani e Armero atterrati in area di rigore

E’ una vigilia silenziosa, quella che accompagna il delicato confronto tra Udinese e Napoli valevole per la 26a giornata della massima serie. Mazzarri, preferisce non lasciare dichiarazioni sperando che le giuste parole vengano dal campo e dai suoi uomini. In questi ultimi anni, il calcio italiano ha riassaporato la compagine partenopea nella sua crescita societaria e calcistica, ma adesso i tifosi vogliono qualcosa di più, forse un sogno, forse più di una realtà. La parola non la pronunciamo, ma è chiara agli addetti ai lavori e non. Il Friuli è di sicuro uno stadio ostico, ma il Napoli non può pensare a questo se vuole coltivare i sogni di gloria. Prima frazione che termina sullo 0-0 con il solo squillo targato Hamsik ottimamente disinnescato da Padelli. Seconda frazione che ricalca quanto visto nella prima. Alla fine il Napoli prova tutte le carte, ma non riesce a sfondare la linea maginot eretta da Guidolin. Per il Napoli è il secondo pareggio consecutivo a reti bianche il Napoli.

PARTITA

Si parte con le formazioni annunciate alla vigilia. Friulani con Di Natale supportato da Muriel, partenopei con Cavani-Insigne-Hamsik. Mesto-Armero al posto di Maggio-Zuniga. Napoletani con il piglio giusto, bravi ad imprimere il proprio gioco già dai primi minuti. Nonostante il predominio degli azzurri, la retroguardia bianconera è attenta e puntuale nelle chiusure e mai in affanno. Al minuto 23’ contatto in area Cavani-Allan, con quest’ultimo autore di un fallo da rigore non visto dall’arbitro. Napoli penalizzato. Passano cinque minuti e un problema fisico per Benatia lo obbliga al forfait, e Guidolin opta per Heurtaux. Dopo la prima mezz’ora, non si annotano occasioni da rete. Nella fase centrale della prima frazione, il ritmo sembra calato a dispetto dei primi minuti.  Finalmente il primo vero squillo arriva al minuto 26 con Armeno che sull’out di sinistra crossa benissimo per l’accorrente Hamsik bravo a schiacciare di testa verso Padelli, ma quest’ultimo ha un ottimo riflesso e devia in angolo. Udinese che cerca di rispondere e si propone con più insistenza in avanti. Ultimi minuti che non confermano quanto visto fin’ora: bel Napoli e Udinese brava a chiudere ogni varco. Primo tempo che mostra la grande personalità del Napoli nel dettare il proprio gioco, ma la grande pecca è non aver prodotto molte occasioni da rete.

Seconda frazione che ricomincia con le stesse compagini del primo tempo. 45’ minuti per segnare un goal e presentarsi a -4 dal big match contro la Juventus. Copione che non cambia, Napoli in attacco e Udinese che si difende e riparte. Proprio su una ripartenza del solito Di Natale, la palla finisce a Pereyra che calcia alto da buona posizione. All’8 minuto Hamsik, nel cuore dell’area, calcia in precario equilibrio e la palla termina fuori. Mazzarri non vede risultati e medita la carta Pandev che getta nella mischia al minuto 16’ al posto di Inler. Napoli a quattro punte. Al 20’ grande azione in ripartenza degli azzurri che termina con Armero atterrato in area. L’arbitro opta per simulazione e ammonizione per l’ex udinese. Altro episodio dubbio e contestato. Altra accelerazione di armeno sull’out di sinistra che mette dentro per Cavani, ma il matador non riesce a girare in rete. Altra occasione per il Napoli. Momento chiave del match con partenopei sbilanciati alla ricerca del vantaggio e friulani pronti a colpire in ripartenza. Al 27’ altro episodio dubbio, questa volta in area De Sanctis, tra Britos e Muriel. Pressing degli uomini di Mazzarri e Udinese alle corde. Mazzarri le prova tutte e richiama in panca Cannavano per Dzemaili. Cambio modulo, adesso è un 4-3-3 puro. A due dalla fine entra Zuniga al posto di Mesto. Nei 3’ minuti di recupero non succede nulla. Pareggio che serve a poco per il Napoli. Secondo 0-0 per il Napoli autore di un solo goal nelle ultime 5 partite. Udinese che conquista un ottimo punto davanti al proprio pubblico.

COMMENTO

Un Napoli voglioso, carico di impegno non riesce a prevalere su una Udinese compatta e brava nelle ripartenze. Partenopei che reclamano due episodi dubbi in area ma devono recitare il mea culpa per quanto fatto, anzi non fatto in fase conclusiva. Ora la Juve dista 6 punti e potrà affrontare il big match di venerdì sera al San Paolo con una certa tranquillità. Inutile dire che un pareggio era pronosticabile in un match così difficile e che i punti bisognava farli in altre partite.

TABELLINO E PAGELLE

UDINESE (3-5-1-1) Padelli 6.5; Benatia 6 (28’ pt T. Heurtaux 6), Danilo 6.5, Domizzi 6; Basta 6.5, Pereyra 5.5, Allan 5.5, Badu 6, Pasquale 5.5; Muriel 6.5, Di Natale 6.5 (32’ st Maicosuel s.v.). All.: Guidolin

NAPOLI (3-4-1-2) De Sanctis 6; Campagnaro 6, Cannavaro 6.5 (40’ st. Dzemaili s.v.), Britos 6; Mesto 5.5 (43’ st Zuniga s.v.), Behrami 6, Inler 6 (16’ st G. Pandev 5.5), Armero 7; Hamsik 6.5; Insigne 5.5, Cavani 5.5. All.: Mazzarri

Marcatori:

Assistman:

Ammoniti: Pereyra (U), Inler, Armero, Behrami, Cannavaro (N)

Espulsi:

Arbitro: Damato di Barletta

comments powered by Disqus