Calcio News Time | Homepage
Pura Matematica: APRILE è finito! Chi è stato il migliore tra Messi e Ronaldo?

Pura Matematica: APRILE è finito! Chi è stato il migliore tra Messi e Ronaldo?

0 Comments 🕔02.mag 2012

Dopo che a marzo, in questo piccolo confronto, l’argentino aveva trionfato grazie al suo incredibile bottino di reti, è arrivato il momento di analizzare questo mese d’aprile appena conclusosi. Questo è stato senza ombra di dubbio il mese più importante della stagione, un mese nel quale si sono giocate tutte le partite più intense, tutte le sfide più sentite, dove ci si è giocati tutte le glorie, personali e di squadra. Ma soprattutto, cosa più importante, in questo mese vi è stata la sfida proprio tra questi due fenomeni: Messi e Cristiano Ronaldo. Chi l’ha spuntata?

3-4 aprile: ritorno dei quarti di finale di Champions League
Messi: La Pulce affonda il Milan, mettendo a segno una doppietta tutta di rigore. Voto 7,5
CR7: Ci mette poco il numero 7 in maglia blancos ad archiviare la pratica Apoel, prima con un tapin da due passi, poi con uno splendido calcio di punizione a scendere sotto l’incrocio dei pali. Voto 7,5

7-8 aprile: 31° giornata di Liga
Messi: Dopo un primo tempo shock nel quale il Real Saragozza domina e va in vantaggio, il Barcellona si riprende ed il numero 10 ne fa due, di cui uno su rigore. Voto 7
CR7: Pareggio casalingo a reti bianche contro un ostico Valencia. Per il portoghese un palo clamoroso e tante occasioni negate dal portiere avversario. Voto 6,5

10-11 aprile: 32° giornata di Liga, turno infrasettimanale
Messi: Il Barcellona passeggia in casa contro un Getafe già domo ancor prima di iniziare. Messi segna la rete del momentaneo 2 a 0, e regala 2 assist ai compagni. Voto 6,5
CR7: E’ il derby di Madrid, in casa dell’Atletico. Cristiano offre una delle migliori prestazioni con la camiseta del Real Madrid: nel primo tempo segna da calcio piazzato da 35 metri, nel secondo ammazza la partita, prima con un siluro da fuori area che si infila sotto la traversa, poi direttamente da calcio di rigore. Tripletta condita dall’assist nel finale per Callejon. Voto 9

14 aprile: 33° giornata di Liga
Messi: Il Barcellona scricchiola a Levante, rimediando solo nel finale grazie alla doppietta dell’argentino, con il gol decisivo su rigore, a dir poco inventato. Bravo e fortunato. Per gli addetti ai lavori, questa è stata la peggior partita di Lionel Messi in carriera. Voto 6
CR7: Il Real Madrid sbriga in maniera tutt’altro che facile la pratica Gijon. Gli ospiti reggono sino ad un quarto d’ora dal termine, quando è proprio una testata in torsione di Cristiano Ronaldo a far crollare la barriera, spalancando le porte della vittoria agli uomini di Mourinho. Voto 7

17-19 aprile: andata delle semifinali di Champions League
CR7: Il Real Madrid incespica in quel di Monaco. La prova di Ronaldo è tutto tranne che esaltante, nonostante riesca a fornire l’assist decisivo per Ozil. Voto 5,5
Messi: Con grande sfortuna il Barcellona cade a Londra, contro un Chelsea cinico ed arcigno. L’argentino rimane nell’ombra per tutti i novanta minuti, arrivando alla conclusione una sola volta. Voto 5

21 aprile: 34° giornata di Liga, il Clàsico.
Messi: Guardiola gli mette 11 giocatori alle spalle, pronti a valorizzare ogni suo passo. Il numero 10 gioca troppo fuori dall’area e tocca pochissimi palloni, trotterellando inspiegabilmente in mezzo al campo. Nell’intera partita, sono solo due le sue accelerazioni pericolose. Voto 5,5
CR7: Dopo il gol del momentaneo pareggio firmato Sanchèz, il numero 7 portoghese stacca un allungo di 30 metri, bruciando i diretti marcatori, per presentarsi da solo davanti a Victor Valdes, infilandolo con freddezza. Il suo gol vale un intero campionato. La Liga è del Real Madrid. Voto 7

24-25 aprile: ritorno delle semifinali di Champions League
Messi: In una gara dove si aveva un bisogno disperato della Pulce, l’argentino si tira indietro come una tartaruga all’interno del suo guscio. La sua partita dura giusto 10 minuti, ovvero il tempo che intercorre tra il primo gol del Barcellona ed il suo rigore sbagliato. Delusione. Voto 5
CR7: Primo 15 minuti devastanti, nei quali Cristiano Ronaldo mette a segno una doppietta che gela il Bayern. Alla fine si andrà alla lotteria dei rigori, dove dopo oltre due anni, Ronaldo tornerà a farsi ipnotizzare. Mancata una grossa occasione per vincere la Dècima. Voto 7

29 aprile: 25° giornata di Liga.
CR7: Nell’insolita partita all’ora di pranzo, il Real strapazza il Siviglia per 3-0. Il gol che apre le danze è di Ronaldo. Colpisce anche un palo su punizione poco dopo. Voto 6,5
Messi: Il Barcellona passeggia e travolge 7-0 il Rayo Vallecano. Messi fa due gol e due assist, ma l titolo è ormai andato. Voto 6,5

RICAPITOLIAMO

MESSI
Partite giocate: 8 (5 vittorie, 1 pareggio e 2 sconfitte)
Gol segnati: (in gol in 5 partite su 8 )
Minuti giocati: 720
Media gol: uno ogni 80′
Media gol a partita: uno ogni 0,88
Media voto: 6,125
In Liga: 5 gol in 4 partite, un gol ogni 72 minuti
In Champions: 2 gol in 3 partite, un gol ogni 135 minuti

CR7
Partite giocate: 8 (6 vittorie, 1 pareggio ed 1 sconfitta)
Gol segnati: 10 (in gol in 6 partite su 8 )
Minuti giocati: 750
Media gol: uno ogni 75′
Media gol a partita: uno ogni 0,8
Media voto: 7,0625
In Liga: 5 gol in 4 partite, un gol ogni 72 minuti
In Champions: 4 gol in 3 partite, un gol ogni 75 minuti

Analizzando questi dati, possiamo notare come anche questa volta, le prestazioni di questi due fenomeni possano sembrare apparentemente simili. L’unico dato nel quale Cristiano Ronaldo è di gran lunga superiore è la media voto totalizzata, di quasi un punto pieno superiore al rivale blaugrana. Tuttavia, ciò che non si evince dai dati di questo mese, è la decisività che i gol e le prestazioni di questi due giocatori, hanno avuto sulla squadra. Andando ad analizzare, partita per partita, l’andamento e soprattutto la difficoltà delle partite delle due stelle del calcio spagnolo e mondiale, Cristiano Ronaldo risulta essere il migliore, e non di poco.

Ma andiamo con ordine…
In questo mese d’aprile,  che a posteriori possiamo definire come il più importante della stagione, Lionel Messi ha steccato tutte e tre le partite più decisive: entrambe le sfide col Chelsea, ed il Clàsico contro il Real Madrid. Al di là del fatto che il numero 10 di Guardiola non sia riuscito a segnare in nessuna di queste, a preoccupare sono state le sue prestazioni, probabilmente frutto di una condizione fisica tutt’altro che ottimale. La costituzione dell’argentino non è certo quella dell’atleta consumato, e la scelta di Guardiola di non sostituirlo mai in stagione, potrebbe essersi rilevata tutt’altro che azzeccata. 65 gol totali in stagione, alla fine della fiera, risultano essere tanto impressionanti quanto inutili, se poi nelle partite che contano questi non arrivano. Messi ci aveva sempre abituato ad essere lui l’uomo delle partite importanti. Vederlo così quest’anno, ha fatto quasi impressione. Nelle altre cinque partite disputate, nelle quali ha messo a segno 9 gol (anche se ben 4 su calcio di rigore), l’argentino non ha dato quella sensazione di onnipotenza alla quale ci aveva abituati. Sin dai quarti di finale di Champions League con il Milan, nei quali si è reso pericoloso solo da calcio di rigore, arrivando alle ultime partite in Liga, dove nonostante la solita quantità di gol, le prestazioni sono state piuttosto scialbe, quasi svogliate.

Per Cristiano Ronaldo queste mese di aprile è stato, senza discussione alcuna, il migliore da quando indossa la camiseta del Real Madrid. I suoi dati statistici sono (ed è quasi inquietante) praticamente identici a quelli del mese scorso. La differenza sta nel fatto che in questo mese si sono giocate le partite più importanti della sua permanenza in Spagna in questi tre anni, nelle quali il Real Madrid si è giocato la conquista dei trofei. Prima di arrivare alla settimana decisiva, nella quale si sono disputate le tre partite più importanti tra Champions League e Clàsico, il numero 7 portoghese ha trascinato i suoi compagni alla conquista di punti preziosissimi in chiave campionato, su tutte le prestazioni contro Atletico Madrid e Sporting Gijon. Contro questi ultimi, il Real stava incappando nella classica serata stregata, nella quale il pallone  non sembra voler entrare. A pochi minuti dal termine è il suo gol, un colpo di testa in torsione che si stampa sul palo prima di infilarsi in rete, a sbloccare la situazione e regalare i tre punti a Mourinho. Ancora più determinate, se possibile, è stata la sua tripletta al Vicente Calderòn di Madrid, nel Derby contro l’Atletico: in una situazione nel quale il Real era obbligato a vincere, e nel quale i padroni di casa avevano trovato il pareggio grazie alla testata di Falcao, è Cristiano Ronaldo ha bucare la porta avversaria con un gol da antologia, per poi chiudere la pratica su rigore.

La differenza tra Cristiano Ronaldo e Lionel Messi questo mese, sta tutta nelle tre sfide decisive, tra cui lo scontro diretto proprio tra i due. In queste tre partite Leo non è mai riuscito ad andare a segno, non ottenendo neanche una vittoria, ed una sufficienza in pagella. Al contrario Cristiano ha messo a segno 3 reti in altrettante partite, portando il suo Real fino ai rigori contro il Bayern di Monaco (poi persi), e soprattutto mettendo a segno il gol decisivo che ha deciso Clàsico e Liga.

In conclusione dunque, dopo che Lionel Messi si era aggiudicato la palma del migliore del mese di Marzo, Cristiano Ronaldo si prende quella di questo mese d’Aprile. Nel prossimo maggio il Real Madrid completerà la sua rincorsa al titolo, proclamandosi campione di Liga, per il Barcellona di Lionel Messi, si prospetta la finale di Copa del Rey contro il temibile Athletic Bilbao del “loco” Bielsa. Staremo a vedere come andrà!

Jacopo Pozzi

comments powered by Disqus

No Comments

No Comments Yet!

No one have left a comment for this post yet!

Write a Comment

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Classifica Serie A offerta da www.Livescore.it